Translations and Samples

Italian to English translation of ‘The Art of Modelling and Rendering’, edited by Gabriele Congiu and published by GC Edizioni, gcedizioni.it

Italian to English translation of ‘Photography & Rendering with V-Ray’, written by Ciro Sannino and published by GC Edizioni, gcedizioni.it

Source text - Italian

In questo capitolo svilupperemo i primi quattro step del 5-Step Render Workflow (5SRW), rappresentati dai seguenti punti: Analisi del modello; Bilanciamento delle luci; Creazione dei materiali; Render finale. Il quinto step, la Post-produzione, sarà trattato nel Capitolo 13 - Bilanciamento del Bianco e Contrasto. Lo scopo di questa esercitazione è quello di creare una luce uniforme e diffusa in tutto l’ambiente, una luce morbida ed avvolgente, spesso utilizzata per cataloghi di design. Per la spiegazione del 5-Step Render Workflow (5SRW), prenderemo in esame il rendering di un interno, Figura 11-1, analizzando le diverse fasi fondamentali per ottenere un risultato fotorealistico, Figura 11-2.

Translation - English

In this chapter we will carry out the first four steps of the 5-Step Render Workflow (5SRW), made up of the following points: Analysis of the model; Light balance; Creation of materials; Final rendering. The fifth step, Post-production, will be dealt with in Chapter 13 - White Balance and Contrast. The purpose of this exercise is to create uniform, diffused lighting throughout the space — the soft and encompassing lighting that is often used in design catalogues. To explain the 5-Step Render Workflow (5SRW), we’ll examine an interior render, Figure 11-1 and analyze the various fundamental phases used to achieve a photorealistic outcome, Figure 11-2.

Italian to English translation of ‘Jonathan De Pas, Donato D’Urbino, Paolo Lomazzi Studio di Architettura
e Industrial Design’

Source text - Italian

Trent’anni fa, ancor giovanissimo, ebbi la fortuna di scrivere, in qualità di curatore della sezione “1945-1980” del libro di Vittorio Gregotti ”Disegno del prodotto industriale – Italia 1860-1980”, le numerose schede di approfondimento relative al periodo più recente di quella affascinante storia. Fra queste una delle ultime, in ordine temporale, era il breve testo “Monumentalizzazione e distruzione dell’oggetto”. Quel titolo, di cui ero molto orgoglioso, giocato su un ossimoro ad effetto, era forse il mio contributo più autonomo rispetto al taglio critico dettato soprattutto dall’autorevole pensiero teorico di Gregotti. In quella scheda veniva, per così dire, riassunto tutto ciò che il design radicale e altre forme di critica al design istituzionale avevano espresso in Italia tra la metà degli anni Sessanta e tutti gli anni Settanta. Fu in quell’occasione che mi trovai per la prima volta a riflettere sul lavoro dello studio De Pas, D’Urbino, Lomazzi. Tra le poche immagini selezionate per accompagnare quella scheda scelsi di pubblicare la poltrona Joe (un gigantesco guantone da baseball), che insieme alla quasi contemporanea poltrona gonfiabile Blow, (entrambe prodotte da imprenditori visionari e autentici progettisti primi come Sergio Cammilli e Aurelio Zanotta) hanno rappresentato forse le più interessanti e risolte proposizioni di quei temi di monumentalizzazione e distruzione dell’oggetto che un certo design di protesta in quegli anni cercava di far emergere in termini problematici. Mi ricordo che rimasi subito sorpreso del fatto che se da una parte i loro progetti mi apparivano tra i più graffianti, freschi, vivaci e coerenti rispetto alle tendenze innovative di quegli anni, dall’altra non potevo non notare che questo gruppo di architetti-designer non erano tra i protagonisti, e neanche tra gli epigoni, di quell’area teorico-progettuale definita Radical design, le cui proposte estetico-culturali si proponevano di emblematizzare con più forza il citato ossimoro. D’altra parte il loro modo di monumentalizzare alcuni oggetti come nel caso della poltrona Joe, avveniva attraverso un ironico gioco pop di fuori scala, mentre il tema della distruzione si poteva leggere nella dissolvenza trasparente della poltrona gonfiabile Blow, oppure nella apparentemente incerta figura astratta dell’attaccapanni Schangai, che si richiude scomparendo nella forma assoluto di una trave in legno a sezione circolare. Evidentemente si trattava di modi spiazzanti e curiosi, per non dire amichevoli, per mettere in evidenza il bisogno del superamento dei vecchi modelli tipologici e di rappresentazione degli
oggetti domestici.

Translation - English

Thirty years ago, when I was still very young, I had the good fortune, as editor of the “1945-1980” section of Vittorio Gregotti's book "Disegno del prodotto industriale – Italia 1860-1980”, to write the many texts that closely examined the most recent period of that fascinating history. One of the last among these, chronologically speaking, was the short text "Monumentalization and destruction of objects". I was very proud of that title which played on a striking oxymoron and which was perhaps my most autonomous contribution compared to the critical style dictated by Gregotti's authoritative theoretical thinking. Everything that radical design and other forms of critique against institutional design had expressed in Italy throughout half of the sixties and all of the seventies was summarized, as it were, in that text. It was on that occasion that I found myself reflecting for the first time on the work of Studio De Pas, D’Urbino, Lomazzi. Among the few images selected to accompany that text, I chose to publish the Joe lounge chair (a gigantic baseball glove), together with the almost contemporary inflatable armchair Blow (both produced by visionary and genuine leading designers, Sergio Cammilli and Aurelio Zanotta). These were perhaps the most interesting and resolved responses to the themes of monumentalization and destruction of objects that a certain design for protest was trying to bring forth in problematic terms during those years. I remember being surprised by the fact that if, on one hand I found their projects to be among the sharpest, freshest, liveliest and most coherent of the innovation trends of those years, on the other hand, I couldn't help but notice that this group of architect-designers wasn't among the protagonists, and not even among the followers of that theoretical area defined as Radical Design, whose aesthetic-cultural proposals attempted to emblematize the quoted oxymoron with maximum force. Yet their way of monumentalizing some objects as in the case of the Joe lounge chair, occurred through an ironic pop play on scale, while the theme of destruction could be read in the fading transparency of the inflatable armchair Blow, or in the seemingly unsteady abstract figure of the Sciangai clothes stand that closes into the absolute shape of a cylindrical wooden rod. These were obviously ground-breaking and curious — not to mention charming — ways to highlight the need to surpass old typological models and representations of
domestic objects.

English to Italian translation and English proofreading of ‘Italian design is coming home. To Switzerland.’

Source text - English

Shortly after the end of the Second World War, Switzerland experienced an economic boom that had immediate need of a workforce to sustain it. Countless people – many from the south of Italy – flocked to Switzerland in search of employment and a better life. To chase this dream they had to endure hard work as well as Swiss political racism, while working conditions and the number of workers required changed constantly, making it impossible for the Italians to feel welcome in their new country.
But for a group of Swiss graphic designers who made the reverse journey to Milan at the same time, it was a completely different story. The Dolce Vita atmosphere that pervaded the city promised a new beginning for immigrants, all of who were made very welcome, despite the differences between Switzerland and Italy at
that time.
Switzerland (neutral during World War II) had become increasingly conservative since 1939 and politically and culturally isolated from the rest of Europe. It had ground to an intellectual standstill and was engulfed by a creative slump that ran contrary to the economic boom.
But in the 1950s the Modernism of the pre-war years began to thrive again in graphic design. In Zürich, Josef Müller-Brockmann developed his mix of Concrete Art and typography, while in Basel Armin Hofmann and Emil Ruder offered a more sensual and playful vision of Swiss graphics.
They were the main protagonists of a “Swiss Style” that would become famous around the world. Its foundations were a grid system of horizontal and vertical lines in which the composition of image and text was considered more important than the creative content itself.
However these principles were often applied too rigidly, producing rather limp and conventional graphics. It was a trend that would even pervade the later work of such a pioneer as
Müller-Brockmann.

Translation - Italian

Poco dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, la Svizzera visse un periodo di boom economico che necessitava nell'immediato di forza lavoro che potesse sostenerlo. Innumerevoli persone - molte provenienti dal sud Italia - si trasferirono in Svizzera alla ricerca di un impiego e di una vita migliore. Per inseguire questo sogno dovettero però sopportare il peso del duro lavoro e il razzismo politico degli svizzeri, mentre le condizioni lavorative e il numero degli impiegati richiesti cambiavano in continuazione, facendo sì che fosse impossibile per gli Italiani sentirsi ben accolti nel loro nuovo paese.
Fu invece tutta un'altra storia per un gruppo di grafici svizzeri che nello stesso periodo, a Milano, fece il percorso inverso. L'atmosfera della Dolce Vita che pervadeva la città, prometteva un nuovo inizio per gli immigrati, che furono ben accolti nonostante le differenze fra Svizzera e Italia in quel periodo.
La Svizzera (che era rimasta neutrale durante la Seconda Guerra Mondiale) era diventata sempre più conservatrice a partire dal 1939, ed era politicamente e culturalmente isolata dal resto dell'Europa. Si era cristallizzata a tal punto da raggiungere la paralisi intellettuale, ed era avvolta da una crisi creativa che andava in senso contrario al boom economico.
Negli anni '50 comunque, il Modernismo degli anni precedenti alla guerra ricominciò a prosperare nel design grafico. A Zurigo, Josef Müller-Brockmann sviluppò una sua unione fra Arte Concreta e tipografia, mentre a Basilea, Armin Hofmann ed Emil Ruder proposero una visione più sensuale e ludica delle
grafiche svizzere.
Essi furono i principali esponenti dello "Stile Svizzero" che sarebbe diventato famoso in tutto il mondo. Questo si basava sull’utilizzo di una gabbia tipografica composta da linee orizzontali e verticali, nel quale la composizione delle immagini e dei testi era considerata più importante del contenuto creativo in sé.
Tuttavia, questi principi furono spesso applicati in modo troppo rigoroso, producendo grafiche piuttosto deboli e convenzionali; era questa una tendenza che avrebbe pervaso anche i lavori di un pioniere quale Müller-Brockmann.

Italian to English translation of
various articles for the magazine, ‘LUXGALLERY Exploring Excellence'.

Source text - Italian

L'Amazzonia è lo stato più grande del Brasile. Per la sua locazione nella foresta pluviale, è caratterizzato da biodiversità. Ha abbondanti fiumi e un paesaggio naturale con laghi, ruscelli e cascate. Lo Stato copre un'area di 1.57 milioni di chilometri quadrati e, a causa della molteplicità dei fiumi, della varietà del suo ecoturismo e dei paesaggi, è uno dei principali luoghi di attrazione turistica. Per questo motivo offre numerosi hotel nella foresta chiamati "ecolodge".
Il fiume Rio delle Amazzoni è un passaggio alla capitale, Manaus, una città in continuo sviluppo che ha quasi raggiunto i 2 milioni di abitanti, ha infrastrutture alberghiere moderne, centri commerciali, parchi, musei, teatri e cinema, zoo e programmi culturali molto intensi. Nella capitale, i tour operator offrono viaggi in barca nei dintorni di Manaus circondata da molte attrazioni turistiche di valore. Tour che durano anche diversi giorni, con la possibililità di partecipare a battute di pesca, visitare luoghi artigianali, comunità indigene, lodge e ristoranti sospesi in aria (quelli sugli alberi).
Nel polo ecoturistico, la maggior parte delle città sono concentrate sulle sponde dei tre principali fiumi dell'Amazzonia: il Negro, il Solimões e il Rio delle Amazzoni stesso. Il polo del Rio delle Amazzoni ha la più grande area protetta al mondo della foresta pluviale (5.7 millioni di ettari), come lo State Park of River Negro, l'Ecological Reserve Sauim-Castanheira, l'Ecological Station of the Anavilhanas e il Jaú National Park, trasformato nel World
Natural Heritage.
Circa 10 chilometri da Manaus, c'è uno dei più grandi spettacoli naturali dell'Amazzonia: l'incontro dell'acqua scura del Rio Negro con quella infangata del Rio delle Amazzoni che scorre per circa 7 km prima di mischiarsi proprio nel punto in cui l'osservazione di uccelli e delfini è un'attrazione rilevante. Anche vicino a Manaus, sopra il Rio Negro c'è l'arcipelago di Anavilhanas, un paradiso per i biologi e gli ecologisti, che consiste in 400 isole, centinaia di laghi e ruscelli colmi di specie di animali e piante. E' considerato un paradiso per i fautori della tutela ambientale.
Il regime torrenziale del fiume influisce sulla vita selvaggia:durante la stagione delle alluvioni da novembre ad aprile-luglio, solo la metà delle isole restano visibili, diventando rifugio per gli animali selvatici. Quando l'acqua si ritira, le isole sommerse riappaiono e, con loro, una grande varietà di animali. Ai confini del Rio Negro, le città di Barcelos e Novo Airão hanno in comune parte del territorio occupato dal parco nazionale del Jau e le rovine storiche del Airão Velho, resti delle prime occupazioni europee. I numerosi ruscelli e i laghi tipici di un paesaggio naturale e idilliaco unito alle attrazioni religiose sono fantastiche. In Barcelos è ubicata la più alta cascata del Brasile nella Serra do Aracá con 396 metri di caduta e il più grande fiume con arcipelago al mondo con 1.700 isole.
Sempre ai confini del Rio Negro, Santa Isabel do Rio Negro and São Gabriel da Cachoeira sono le città più distanti dalla capitale che includono il Parco Nazionale del Pico da Neblina dove ci sono i due punti più alti del territorio, il Pico da Neblina e il Pico 31 March.
Accanto alle attrazioni naturali, l'Amazzonia trasmette enorme fascino culturale e piacere nelle innumerevoli leggende e miti che derivano dai suoi abitanti indigeni. Rappresenta la più grande congregazione della diversità etnica del paese e anche il linguaggio è composto da 300 diversi gruppi etnici, che includono gruppi che non sono in contatto con la civiltà.

Translation - English

Amazon is the largest state in Brazil. Thanks to its location in the rainforest, it is characterized by much biodiversity. It has large flowing rivers and a natural landscape of lakes, streams and waterfalls. The state has an area of 1.57 million square kilometers, and given its many rivers, the variety of its ecotourism and its landscape, it is one of the main tourist attractions. For this reason it offers numerous hotels in the forest called “Eco Lodges”.
The Amazon River is a gateway to the capital, Manaus, a city that is growing every day and already boasts nearly 2 million inhabitants, has modern hotel infrastructure, shopping malls, parks, museums, theaters, cinemas, zoos, and intense cultural initiatives. In the capital, tour operators offer boat trips in the area surroundings Manaus, an area rich with worthwhile tourist attractions. There are tours that last up to several days, where one has the option to participate in fishing competitions, visit craft centers, indigenous communities, lodges and restaurants suspended in the air (among the tree tops).
In the eco-tourism pole, most of the cities are concentrated on the banks of three major rivers of the Amazon: the Negro, the Solimões and the Amazon itself. The Amazon leg has the largest protected rainforest area in the world (5.7 million hectares), including the State Park of River Negro, the Sauim-Castanheira Ecological Reserve, the Ecological Station of the Anavilhanas and the Jaú National Park, all now World Natural Heritage sites.
Approximately 10 kilometers from Manaus, one of the greatest natural spectacles of the Amazon takes place: the dark waters of the River Negro meet with the muddy waters of the River Amazon, which flows for about seven kilometers before mixing right at the point where bird and dolphin watching is an additional attraction. Also near Manaus, above the River Negro, is the Archipelago of Anavilhanas, a paradise for biologists and ecologists, consisting of 400 islands, hundreds of lakes and streams, and rich in animal and plant species. It is considered a paradise for environmental conservationists.
The flood regime of the river affects the wildlife: during the flood season from November to April-July, only half of the islands remain visible, serving as refuges for the fauna. When the waters recede, the submerged islands reappear, and with them, a huge variety of animals. Bordering the River Negro, the cities of Barcelos and Novo Airão both have part of their territory occupied by the Jau National Park and the historic ruins of Airão Velho, remnants of early European occupation. The numerous streams and lakes typical of this natural and idyllic landscape together with its religious attractions make it fantastic. In Barcelos, you can find the highest waterfall in Brazil in the Serra do Aracá with 396 meters' free-fall and the largest river archipelago in the world, Mariuá, with its 1,700 islands.
Also bordering the River Negro, Santa Isabel do Rio Negro and São Gabriel da Cachoeira are more distant cities from the capital, and include in their territories the National Park of Pico da Neblina, where we find the territory's two highest points: the Pico da Neblina itself and the Pico 31 March.
Together with its natural attractions, the Amazon also contains much cultural fascination and delight in the countless legends and myths of its indigenous inhabitants. It represents the largest congregation of ethnic diversity in the country and therefore the language, made up of 300 different ethnic groups, including tribes that are still untouched by civilization.

Italian to English translation and English proofreading of the website,
Piero Castiglioni, pierocastiglioni.com

Source text - Italian

La cattedrale sorge nella parte alta della città vecchia, la facciata importante con colonnato e due massicce torri campanarie si affaccia su una piazza di piccole dimensioni. Il corpo di fabbrica è chiuso, sui due lati, tra stradine che seguono, con pendenze diverse, le curve di livello del colle. Il complesso dell’abside si affaccia su un terrazzamento che guarda alla valle. L’edificio è visibile dal lago, e dalla città bassa, costituisce un segno di riconoscimento e di orientamento, contribuisce a creare l’immagine verticale
della città.
L’illuminazione della città ha valori controllati, quasi totale l’assenza di insegne a bandiera e di insegne luminose, contenuta la presenza di messaggi pubblicitari mostra, pertanto, una immagine notturna misurata e ben inserita nel panorama naturale del lago e delle montagne.
La cattedrale, nelle ore notturne dovrà partecipare al panorama generale, inserita con misura nel contesto pur mantenendo la immagine forte e il ruolo di predominante che ricopre nelle ore diurne.

Translation - English

The cathedral stands in the high part of the old city. The prominent façade, with its colonnade and two massive bell towers overlooks a small square. The body of the building is closed off on two sides among tiny streets that, at varying slopes, follow the contour lines of the hill. The apse complex overlooks terracing that faces the valley. The building is visible from the lake and, from the low part of the city it becomes a recognisable point from which to get one's bearings and contributes to the vertical appearance of the city.
The illumination levels of the city are controlled, with an almost complete absence of illuminated overhanging signage and restrained advertising presence. Consequently this results in a measured nocturnal appearance, well integrated into the natural landscape of the lake and mountains.
At night the cathedral should be part of the general landscape, carefully integrated into its context, and should also maintain the strong image and predominant role it plays during daylight hours.

ITA>ENG translation of lecture notes for the University of Gastronomic Sciences

Source text - Italian

La cultura gastronomica rischia di perdere uno dei più grandi e per molti versi dimenticati patrimoni culturali dell’umanità se i racconti degli anziani scompaiono con loro. La cucina è l’essenza del nostro essere: è noto che siamo quello che mangiamo e mangiamo quello che siamo. Ma per riprodurre la vitalità, la creatività che accompagna la preparazione di un piatto è necessaria una documentazione adeguata che rappresenti olisticamente l’insieme del progetto gastronomico. Da qui la grandezza e l’ineludibilità del progetto Granai. Occorre dunque raccogliere questa cultura in via di estinzione e metterla al servizio delle nuove generazioni che paiono crescere senza memoria.
In Italia esiste ancora una sorprendente e vitale cucina della tradizione che rischia di scomparire se non ricominciamo a ripetere i ritmi elementari ma fondamentali del passato, se non torniamo ad una interpretazione etica del cibo. Alla base di molte ricette legate alla tradizione contadina c’è, ad esempio, il riciclo del prodotto che diventa patrimonio collettivo e quotidiano. Nelle case dei contadini non esisteva il concetto di rifiuto, di discarica, di pattumiera. Gli avanzi alimentari venivano ricombinati creativamente, fino al completo consumo. Nelle colline del Piemonte meridionale, a cavaliere tra la Langa cuneese e astigiana, in un piccolo areale che gli studenti dell’Università stanno contribuendo a definire, le donne preparano ancora a mano gli agnolotti al plin, il cui ripieno viene ottenuto a partire dagli avanzi, dagli scarti alimentari di tutta la settimana. Si tratta di un progetto gastronomico straordinario perché è la rappresentazione più convincente del bricolage femminile, un sapere creativo che è tratto costitutivo, fondante dell’economia della cascina tradizionale. La donna, che passa le notti a preparare questo prodotto, pratica ancora un grande atto di amore e di devozione verso la famiglia. Cose, tratti affettivi che oggi abbiamo troppo rapidamente dimenticato.

Translation - English

Gastronomic culture is at risk of losing one of the greatest and in my aspects forgotten of humanity's cultural heritages if the stories of the elderly perish along with them. Cuisine is the essence of our being: it is known that we are what we eat and we eat what we are. But to reproduce the vitality and creativity that accompany the preparation of a dish, it is necessary to create adequate documentation to holistically represent the totality of the gastronomic project. This accounts for the grandeur and inescapability of the Granaries project. We must therefore gather this culture at risk of extinction, and make it available to
the new generations that seemingly grow
without memory.
A surprising and vital traditional cuisine still exists in Italy but is at risk of disappearing if we don't start repeating the elementary but fundamental rhythms of the past — if we don't return to an ethical interpretation of food. As a basis of many recipes tied to rural tradition, there is for example, the recycling of products, that becomes a collective everyday legacy. In farmhouses the idea of waste or garbage didn't exist. Leftover food would be creatively recombined until nothing remained. In the hills of southern Piedmont, crossing between The Langhe of Cuneo and Asti, in a small reef that students of the University are contributing to defining, women still prepare Agnolotti al plin by hand. Its filling is obtained with leftovers — food scraps from the whole week. It is an extraordinary gastronomic project because it is the most convincing representation of feminine DIY, of creative knowledge that is a constitutive aspect and the economic basis of the traditional farmhouse. The women, who spend their nights preparing this product, still practice a great act of love and devotion towards their families. Things and feelings that today we have too rapidly forgotten.

Italian to English translation of the Swiss branch of the Polyedra website, polyedra.ch

Source text - Italian

Simbolo di innovazione tecnologica e sostenibilità ambientale, Revive rappresenta una vera rivoluzione nel mondo della carta riciclata proponendo la più ampia offerta di carte riciclate al 100% e al 50% racchiuse sotto un unico ombrello, tutte contraddistinte dai più elevati standard ambientali.
Grazie alle tecnologie più avanzate, all’accurata selezione all’origine del macero e ad importanti investimenti in ambito di ecosostenibilità, Revive è la risposta perfetta alla richiesta di un mercato che sempre più si dimostra attento non solo alla qualità ma anche al contenuto di valori dei prodotti che sceglie. Per questo motivo, tutto il processo produttivo da cui nascono le carte Revive segue una filosofia green che ha determinato il conferimento delle più prestigiose certificazioni ambientali a livello internazionale. Il carbon footprint viene calcolato considerando tutte le fasi del processo: dalla produzione della cellulosa al trasporto della stessa in cartiera, fino alla produzione della carta, tenendo in considerazione i consumi energetici, i rifiuti prodotti e le emissioni inquinanti riversate nell’acqua e nell’atmosfera.
Scegliendo Revive come supporto per la stampa è possibile quantificare l’effettivo contributo ambientale rispetto alla stampa con altre carte non riciclate e calcolare così il minor impatto ambientale in termini di emissioni CO2, produzione di scarti e rifiuti.
I dati risultanti possono essere eventualmente riportati come credenziali ambientali sui documenti stampati dando così evidenza oggettiva al tuo contributo per la sostenibilità!

Translation - English

As a symbol of technological innovation and environmental sustainability, Revive represents a true revolution in the world of recycled paper, offering the widest choice of 100% and 50% recycled papers, contained under a single umbrella and all characterised by the highest environmental standards.
Thanks to the most advanced technologies, to the careful selection of wastepaper at its source and to important investments in the field of ecosustain- ability, Revive is the perfect answer to the requests of a market that is increasingly concerned, not only with quality, but also with the values behind the products it chooses. For this reason, the whole manufacturing process from which Revive papers arise follows a green philosophy that has granted it the most prestigious of environmental certifications at a global level. A carbon footprint is calculated by considering all the phases of the process: from the production of cellulose and its transportation to the paper mill, right up to the manufacture of paper, keeping in mind energy consumption, generated waste and the polluting emissions that flow into the water and the atmosphere.
By choosing Revive as a printing medium, you can quantify your effective environmental contribution compared to printing on other unrecycled papers and thus calculate the smallest possible environmental impact in terms of C02 emissions, scrap production and waste.
The resulting data can be quoted as an environmental credential on printed documents, giving objective evidence of your contribution to sustainability!

The above are just a few samples of the many translations I have completed and do not represent the wide variety of topics covered. If you'd like to find out more about my experience as a translator, please contact me.